ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Dicembre 2006 - Basilea 2

Pronti alla rivoluzione?


Tra pochi giorni, il prossimo primo gennaio, entreranno in vigore le nuove norme per il credito alle imprese definite nell'accordo Basilea 2. Un'occasione per le PMI di ripensare il proprio futuro digitale.


In teoria, la rivoluzione europea che entrerà in vigore il 1 gennaio 2007 riguarda le banche: sotto il nome di Basilea 2, infatti, viene definito l'accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. Nei paesi aderenti, gli istituti di credito dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito che hanno in essere con le imprese. Di conseguenza, le banche andranno ad assegnare ai propri clienti un indice di rischiosità, un rating sullo stato di salute complessivo dell'impresa. E non lo si farà sulla base di elementi soggettivi, ma di dati oggettivi. In base al rating, le imprese avranno più o meno facilità d'accesso al credito, a tassi più o meno alti. Basilea 2, quindi, investe in pieno la vita delle PMI.

Che cosa cambia di fatto

Per le imprese, alla fine, non cambia molto: i documenti da produrre non sono di più o diversi rispetto al passato, né l'azienda deve cambiare aspetti societari puri. A cambiare, invece, e in maniera decisiva, deve essere l'approccio dell'impresa. Sempre maggiore importanza sarà rivestita dalla finanza aziendale e, sommariamente ma in modo efficace, si può ben dire che a guidare gli imprenditori, nella redazione dei bilanci e di tutti gli altri documenti necessari, non sarà più soltanto l'attenzione alla fiscalità. Infatti, quelli che sono vantaggi fiscali potrebbero rivelarsi svantaggi dal punto di vista del rating, per la loro incidenza sulla struttura patrimoniale o sulla situazione finanziaria dell'azienda.

Focus sull'informazione

Non è questa la sede e non è nostro compito segnalare nel dettaglio che cosa sarà più utile fare. D'altra parte, le piccole e medie imprese avrebbero già da tempo dovuto lavorare su questo fronte, perché è evidente che - nonostante il primo gennaio inizi un biennio di avviamento (con alcune introduzioni graduali) - ormai è tardi per correre ai ripari se non lo si fosse fatto in precedenza. Ciò che invece ci preme sottolineare è che tutto il nuovo sistema di rapporti banca-impresa alla luce dell'accordo Basilea 2 sarà incentrato su una maggior trasparenza complessiva, e in particolare sulla capacità di comunicare in maniera chiara, efficace e pronta.

Pianificazione e controllo

Se volessimo limitarci a indicare due segmenti che in ogni azienda diventeranno centrali, senza dubbio andrebbero citati la pianificazione e il controllo. È evidente, quindi, senza entrare nel dettaglio delle centinaia di offerte presenti sul mercato da società specializzate, che il digitale e l'informatizzazione dell'impresa possono costituire non soltanto un vantaggio competitivo in termini di mercato, ma anche l'indispensabile adeguamento degli strumenti in vista delle nuove politiche aziendali. In particolare, la capacità di pianificare con correttezza, integrando dati e proiezioni diversi, sarà centrale nello sviluppo del rapporto con la banca. E tutto questo non si fa, senza il supporto digitale.

Sempre più digitale

Ancora una volta emerge quindi con estrema chiarezza lo sviluppo delle imprese nel futuro, uno sviluppo che non può prescindere dall'utilizzo di sistemi informatici e digitali al proprio interno. Anche le PMI, e nei fatti soprattutto le piccole e le microimprese (pensando che le medie abbiano già attuato una politica di digitalizzazione dell'impresa), dovranno fare i conti sempre più spesso con l'informatica al proprio interno. L'analisi dei flussi di dati sarà centrale nella nuova gestione d'impresa incentrata attorno al rapporto Basilea 2. Per molti, forse, sarà la spinta decisiva verso un cammino di piena coscienza dell'informatizzazione aziendale.
Scrivi a proposito di questo articolo