ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Ottobre 2006 - SMAU: mercato ITC

Che cosa resta di SMAU


La settimana scorsa si è svolto il più importante appuntamento fieristico italiano del settore. Da quest'anno si è guardato soltanto al business, con numeri interessanti. Un cambiamento che segue lo sviluppo ITC italiano.


Un tempo erano lustrini, feste, aperitivi e un tripudio di modelle: SMAU ci aveva abituato a essere una grande kermesse pre-consumistica piuttosto che un evento fieristico d'importanza internazionale. Da quest'anno, però, e con il passaggio al nuovo polo fieristico milanese di Rho-Pero, l'organizzazione ha deciso di rivolgersi esclusivamente agli operatori business. Un cambiamento figlio del tempo: dall'euforica esaltazione della fine anni Novanta, alla depressione dello sboom di Internet, oggi si cerca un faticoso equilibrio basato sul mercato. E SMAU riflette ancora una volta i tempi: aperto al pubblico ma fondamentalmente per operatori di settore fino alla metà degli anni Novanta, nel boom di Internet e della telefonia mobile è stato il luogo di ritrovo di giovani e giovanissimi alla ricerca dell'ultimo gadget tecnologico. Oggi si restituisce ai professionisti, rivelando che anche la tecnologia ha superato l'entusiasmo infantile degli anni Novanta ed entra in una nuova fase più matura.

I numeri del 2006

In quattro giornate, sono passati per SMAU 2006 (43esima edizione) circa 50 mila visitatori professionali qualificati, con 40 mila operatori pre-registrati online. Rispetto ai numeri della sola Area Business dell'edizione 2005, l'incremento è del 30,4% in termini di superficie espositiva (quest'anno arrivata a 30 mila metri quadrati nel nuovo polo fieristico di Rho-Pero) e del 51,8% del numero di aziende presenti. Rimane da ricordare, però, che molte delle aziende registrate quest'anno erano presenti gli anni passati in aree diverse da quella business. Le cifre, tuttavia, rimangono più che incoraggianti, anche per la copertura stampa che si è avuta, con oltre 1.500 giornalisti accreditati.

Più business, a parole

Dunque quest'anno più che di moda, tendenze e curiosità futuristico-tecnologiche si è tornati a parlare di business, di produttività, di competizione e a far parlare (o cercare di far parlare) le aziende tra di loro e con la pubblica amministrazione, ampiamente presente e rappresentata. Tuttavia, la sensazione che lascia lo SMAU - che lasciava in passato e lascia ora - è che questa non sia - e non potrà essere ancora per lungo tempo - la fiera del business, dove si fanno affari. A SMAU si parla, ci si incontra, si discute. Raramente si fanno affari. Molto apprezzata, infatti, la programmazione convegnistica, i seminari e la parte formativa.

I temi del 2006

Networking, ufficio mobile e software per le imprese - con grande rilievo ai sistemi di sicurezza informatica - sono stati i temi al centro del maggior interesse per gli operatori. Ma a SMAU 2006 si sono potuti apprezzare - tra le righe - anche quelle che saranno le tendenze tecnologiche vere per i prossimi anni, in gran parte già in corso. Le tecnologie si sviluppano e si dirigono ormai verso modelli collaborativi e sociali, e in particolare su Internet a tenere banco sono i cosiddetti social networking in tutte le loro formule. Sul fronte Internet rimarranno calde anche le tecnologie di ricerca, e la guerra dei motori (con annessi e connessi, come la pubblicità). Sempre maggiore importanza e crescita avranno anche i servizi location aware e il pervasing computing: la tecnologia pervaderà sempre più la vita e il lavoro, progressivamente in un'unica rete di servizi e sistemi digitali, spesso grazie a funzioni di localizzazione digitale automatica di cose, oggetti, persone e servizi. Dal punto di vista hardware, il successo degli smartphone indica forse l'apertura di un nuovo processo di convergenza dei media - almeno quelli "leggeri" - in attesa che la televisione digitale e il PC definiscano il loro futuro, forse insieme.
Scrivi a proposito di questo articolo