ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Settembre 2005 - Sicurezza reti

La qualità dei servizi nelle reti ICT


Che cosa cercano gli utenti? Come valutano la qualità di un servizio? Tramite un volume promosso dal ministero delle Comunicazioni si cerca di dare una risposta individuando dei parametri certi.


Sul sito web del Ministero delle Comunicazioni sono disponibili i primi volumi sulle linee guida per i prodotti e i servizi ICT. La pubblicazione si inquadra in una serie di attività svolte dal Ministero nel corso del 2004, riguardanti agli orientamenti su:
La sicurezza delle reti - dall'analisi del rischio alle strategie di protezione.
La sicurezza delle reti nelle infrastrutture critiche.
La qualità del servizio nelle reti ICT.

Qualità del servizio

"La qualità dei servizi nelle reti ICT" nasce da un'iniziativa dell'Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell'Informazione, in collaborazione con autori appartenenti a vari organismi pubblici e privati; si rivolge ad operatori e utenti di reti di comunicazione sia home sia business, partendo dal principio che la qualità è un aspetto fondamentale che caratterizza i prodotti e i servizi di qualunque tipo.

Il concetto di qualità

L'utente è abituato ad intendere la qualità di un prodotto o di un servizio, e quindi ad effettuare una scelta, in base al rapporto costo/prestazione. Un meccanismo analogo si innesca quando si tratta di comunicazioni elettroniche: in questo settore, l'utente non ha ancora le competenze per stabilire i parametri di qualità di ciò di cui necessita, e il volume cerca proprio di sopperire a questa mancanza provando a sviluppare i criteri per determinare tali parametri e stabilire una scala di importanza (quali imprescindibili e quali opzionali). La pubblicazione applica i risultati ottenuti a due reti normalmente in uso (la banda larga per Internet, l'ADSL, e la rete di telefonia mobile GSM) nell'ottica del fruitore finale: l'utilizzatore finale sarà messo nella condizione di stimare se il tipo di servizio e di infrastruttura risponde alle proprie esigenze di qualità. Ovviamente, dalla parte dei realizzatori di reti, questi criteri saranno primi punti di riferimento per la qualità del servizio.

La qualità del servizio

La qualità del servizio viene definita come "l'effetto complessivo delle prestazioni del servizio che determinano il grado di soddisfazione atteso dall'utente del servizio stesso" in accordo con gli orientamenti internazionali del settore. In modo più semplice, per quel che riguarda le reti di comunicazioni, viene intesa come la capacità della rete di garantire un determinato livello di servizio. La crescente offerta di servizi nel campo della comunicazione elettronica, pone l'utente nella situazione di individuare degli indicatori di qualità che ne possano orientare la scelta e renderlo maggiormente consapevole del prodotto che va ad acquistare. Quattro sono i punti principali che aiutano a ricavare gli indicatori di qualità utilizzabili come pietra di paragone nell'acquisto (e dalla parte del realizzatore nell'implementazione della rete):
1. Si associa il servizio che si intende utilizzare con una delle quattro categorie di servizio generali: servizi in tempo reale (per esempio videotelefono, telnet ecc.), servizi diffusivi in tempo differito (audio streaming, video on demand, trasferimento file ecc.), servizi interattivi (navigazione Web, e-commerce, Web mail ecc.), altri servizi in tempo differito (fax, Sms, e-mail ecc.).
2. Si sceglie a quali tecnologie far riferimento (come già detto, nell'indagine specifica le reti ADSL e GSM).
3. Si identifica l'importanza dei parametri in riferimento al tipo di servizio scelto.
4. Si determina il valore dei parametri tecnici di qualità del servizio (eccellente, buono, accettabile) e si procede a quantificarli, in modo da poterli confrontare con i valori attesi.
Le rilevazioni necessarie all'individuazione della qualità come realmente percepita dall'utente sono effettuate tramite un modello di riferimento logico che consente di fare una mappa delle funzioni di una rete di telecomunicazioni lungo un percorso che va dal fornitore del servizio fino al fruitore dello stesso.

I principali parametri

In tal modo si arriva a definire i parametri principali grazie ai quali è possibile misurare la qualità di una rete ICT erogatrice di servizi: dal punto di vista dell'utente, la qualit�di servizi offerti da una rete di telecomunicazioni è vissuta come la composizione di più caratteristiche rintracciabili entro quattro macro aree:
supporto: l'abilità di un'organizzazione di assistere l'utente nell'uso di un servizio;
disponibilità: la capacità di un servizio di essere fruito quando richiesto e per tutta la durata;
operabilità: la semplicità con cui è possibile attivare e utilizzare il servizio e le sue applicazioni;
sicurezza: l'insieme di problematiche connesse all'autenticazione, all'affidabilità e alla riservatezza delle informazioni trasmesse.

I parametri di qualità

Mettendo in relazione i parametri ottenuti e i processi che li sottendono con le quattro classi di servizio (servizi in tempo reale, diffusivi in tempo differito, interattivi e altri in tempo differito) è possibile infine definire quali siano i parametri che l'utente ritiene molto o poco importanti nella scelta di un servizio e individuare le classi di qualità attese. In base a queste, ma anche in base alla semplice sensibilità rispetto a tutte le considerazioni fatte, è possibile realizzare e implementare reti con una qualità del servizio pari alle attese degli utenti.

Segue l’approfondimento