ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Agosto 2006 - Sicurezza

Minacce in diminuzione, guardia da alzare


Aumento dei worm per dispositivi mobili, primi virus per piattaforme Mac e poco altro: i primi mesi del 2006 non sembrano essere stati tragici per la sicurezza informatica. Un motivo in più per alzare la guardia.


A vent'anni dalla scoperta del primo virus per Pc, il 2006 sembra essere un anno relativamente tranquillo per quanto riguarda la sicurezza informatica. Infatti, il trend delle infezioni dei computer non è variato sensibilmente, non sono stati prodotti worm dalle caratteristiche rivoluzionarie, non ci sono state pandemie o infezioni su vasta scala. Un periodo di relativa tranquillità, insomma, in accordo con i dati presentati dalla società specializzata F-Secure nel suo rapporto sull'andamento della sicurezza informatica nei primi sei mesi del 2006.

Le minacce cambiano volto

Alla luce di queste considerazioni, i fatti più rilevanti della prima parte dell'anno sono da considerarsi le minacce rivolte verso dispositivi finora relativamente al sicuro. I cellulari hanno visto incrementare il numero di virus ad essi destinati fino al numero di duecento, e c'è da scommettere che la cifra crescerà (e di molto) nei prossimi mesi. Dal 2004, anno del primo virus per cellulare, i malintenzionati hanno trovato nuove funzionalità, favoriti anche dalle capacità multimediali sempre più spinte dei nuovi terminali. Al contempo, quest'anno ha visto cadere l'imbattibilità della piattaforma Mac, finora invulnerabile ai virus. Nel giro di pochi mesi, però, sono state ritrovate diverse minacce per questa piattaforma, per la quale quindi bisognerà cominciare a ragionare in termini di maggior sicurezza.

Il significato delle nuove vie

I due dati accostati - relativa tranquillità, nuove piattaforme da colpire - potrebbe far pensare a una ritirata del fenomeno. Ma sarebbe un'interpretazione completamente sbagliata. Semmai, anche questo è il segnale che qualcosa si sta muovendo sul fronte degli attacchi informatici. Dopo anni in cui il mezzo d'attacco preferito era quello dei virus, ora i delinquenti informatici sono alla ricerca di nuove strade e potremmo essere di fronte a un cambiamento sensibile d'atteggiamento. La conferma arriva anche dalla classifica dei virus più diffusi di luglio 2006 redatta da Sophos. Al primo posto si classifica ancora Netsky (nella variante -P), a distanza di due anni dal primo avvistamento. Non ci sono stati nel frattempo nuovi virus dirompenti. E le e-mail infette sono state 1 su 222, in forte calo rispetto alla 1 su 91 dei primi sei mesi del 2006. E-mail più sicura? Assolutamente no. Ancora una volta, è il cambio di prospettiva degli attacchi a dare valore a questi dati.

Maggiore precisione d'attacco

Infatti, i criminali stanno abbandonando l'epidemia di massa - il lancio di virus in grado di colpire su vasta scala e indiscriminatamente - per concentrarsi su obiettivi più piccoli, precisi e mirati. A testimoniarlo è la crescita dei trojan e i nuovi metodi d'infezione: i criminali inviano e-mail non infette, che conducono a siti sui quali sono presenti dei trojan che si scaricano immediatamente sul Pc dell'utente, rendendo possibile al criminale prenderne il controllo in un secondo momento (spesso con la tecnica del dialer - il reindirizzamento automatico verso siti Web a pagamento). Parimenti, a crescere enormemente quest'anno sono state le truffe basate sulla tecnica del phishing, la ricostruzione fasulla di siti di banche e società finanziarie per raccogliere le informazioni sensibili dei clienti e poterle riutilizzare per accedere poi ai loro conti reali.

Alzare la guardia

La diminuzione dei virus, quindi, può facilmente trarre in inganno: le minacce informatiche, lungi dal diminuire (complessivamente sono quasi 200 mila i virus noti), sembrano essere meno aggressive perché i criminali stanno adottando nuove tecniche meno vistose, più subdole e quindi pericolose. Per tutti questi motivi, è bene non abbassare la guardia, ma al contrario concentrare ancora di più i propri sforzi in termini di prevenzione e difesa.
Scrivi a proposito di questo articolo