ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Luglio 2006 - Real-time enterprise

Verso il tempo reale


La nuova strategia aziendale vincente è quella che punta sul tempo reale. Una sfida per il business e per la tecnologia, alla portata delle grandi aziende ma non solo.


Negli ultimi trenta anni il mondo dell'impresa è cambiato radicalmente, e la trasformazione che è avvenuta è dipesa in gran parte dalle nuove tecnologie, informatica e Internet in primis. A cavallo del nuovo millennio il modello della new economy e delle dot-com sembrava essere indispensabile per qualsiasi futuro aziendale. Nel giro di soli sei anni quel concetto non solo è superato, ma è stato anche lungamente avversato.

RTE, la nuova impresa

Eppure, tecnologie e Internet sono entrate e rimangono nella vita aziendale in modo indispensabile. Ecco che allora si affaccia un nuovo modello di impresa: la real-time enterprise o - con ironica evoluzione rispetto al passato recente - now economy. Non si tratta di qualche spot benriuscito, ma di una nuova concezione d'impresa che punta tutto sulla flessibilità, l'agilità e la velocità: caratteristiche vincenti in questa complicata fase di mercato.

L'equilibrio perfetto

La real-time enterprise è un'azienda che coniuga ai massimi livelli la cura del business (in primis del cliente) e l'aspetto tecnologico. Uno, cioè, non deve sopravanzare l'altro: in equilibrio, queste due componenti possono portare l'un l'altra vari vantaggi. Nessuna delle due, tuttavia, schiaccia l'altra componente, come è accaduto - anche di recente - in altri modelli d'impresa.

La parte business

Che cosa significa per un'azienda intraprendere la strada della real-time enterprise per quanto riguarda il business? Fondamentalmente, sapere rispondere in tempo reale alle esigenze e alle richieste dei clienti-utenti. Quindi, i concetti chiave su cui verte la nuova strategia del real-time sono personalizzazione dei servizi, alta flessibilità nella produzione, customer care di qualità. La RTE non riproduce nient'altro se non il classico modello di soddisfazione del cliente, ma lo fa - o cerca di farlo - in tempo reale. Allo stesso modo, la RTE ha come obiettivo prioritario la capacità dell'azienda di adattarsi ai diversi scenari di mercato e alla competizione. Circolazione e diffusione della conoscenza e dell'informazione, valorizzazione delle risorse umane, strutture snelle e con grande spirito di adattabilità sono le caratteristiche interne fondamentali alle imprese della now economy.

La parte tecnologica

Dal punto di vista tecnologico, la real-time enterprise non ha un paradigma unico e assoluto. Sicuramente la componente tecnologica della RTE può essere riassunta come real-time infrastructure, che di per sé significa poco: dietro questo nome ci sono tecnologie e sofwtare integrati, tutte pronte a spingere l'azienda verso la stessa direzione. Si tratta in sostanza di un'infrastruttura di rete in grado di contenere e integrare le soluzioni tecnologiche senza conflitti ma ottenendo il massimo in termini di performance. Le singole componenti devono rispondere ai requisiti prioritari di scalabilità e flessibilità, in modo da poter evolvere di pari passo con il ciclo di vita aziendale. La forte customizzazione dei software è altro elemento irrinunciabile, in modo da avere capacità complesse e uso semplificato. Pervasività e diffusione della tecnologia - a tutti i livelli e di tutti i tipi, in mobilità o office - sono la chiave di volta della RTE. Il Web è lo strumento principale con il quale le varie componenti possono essere integrate e arrivare a tutti i reparti in maniera semplice ed efficace.

Verso il tempo reale

È ovvio che il modello della RTE trova applicazione soltanto nelle grandi aziende multinazionali o nelle imprese di medie e grandi dimensioni, magari con più sedi e processi decentrati. La piccola o media azienda di tipo tradizionale non riesce nemmeno ad avvicinarsi a questi modelli, sia per i costi sia per il gap culturale. Tuttavia, ed è questo ciò che preme in questa sede, il modello della real-time enterprise è quello vincente in questa fase di mercato. Per questo motivo le medie e piccole aziende devono almeno tendere al paradigma del tempo reale: senza pensare di implementare soluzioni tecnologiche complesse, tuttavia la base del modello è costituito dall'uso di software e tecnologie scalabili e flessibili, un'Intranet efficiente e un uso intelligente del Web, sia come strumento di sviluppo interno sia come momento di contatto real-time con il pubblico. Niente di impossibile, dunque, dal punto di vista tecnologico. Dal punto di vista culturale, invece, il lavoro può rivelarsi più complesso, perché un'organizzazione che privilegia questo approccio al mercato deve poter spingere tutta e sempre nella stessa direzione, senza esitazioni. Compito non facile, ma necessario per emergere in uno scenario di mercato complesso e difficile come quello attuale.
Scrivi a proposito di questo articolo