ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Maggio 2005 - Rilancio imprenditoriale

Competitività per decreto


Definiti dal Governo i bonus per l'occupazione, gli incentivi per gli investimenti in ricerca e sviluppo, le agevolazioni per le concentrazioni di Pmi e le industrie in crisi.


Nuovi fondi per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie digitali, incentivi per il capitale di rischio e nuovi sostegni per le imprese in crisi: è stato approvato in via definitiva dal Senato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il cosiddetto decreto "per la competitività" (Legge n° 80/2005), studiato per rilanciare le attività produttive in Italia attraverso un "Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale". Questo provvedimento apporta numerose modifiche e converte in Legge il testo portante gi´┐Żdefinito in marzo, il Decreto Legge n° 35/2005 e tocca da vicino numerosi ambiti produttivi, mettendo a disposizione delle imprese fondi dedicati alla ricerca e incentivi per favorire il ricorso al venture capital, sostenere chi è in difficoltà, promuovendo il settore agroalimentare e rafforzando le attività turistiche.

Le novità per le imprese

In sintesi, i temi più importanti che trovano spazio nel decreto sono:
il rafforzamento degli sgravi Irap per i nuovi assunti nel Mezzogiorno;
la riforma del sistema degli incentivi alle imprese;
un bonus fiscale per le concentrazioni di piccole e medie aziende che abbiano esercitato attività omogenee nell'anno precedente;
la possibilità di cedere un quinto del reddito per ottenere prestiti anche a pensionati e lavoratori con contratti a termine e parasubordinati;
la costituzione del principio del silenzio assenso per gli atti amministrativi relativi alle dichiarazioni d'inizio attività, autorizzazioni, licenze, permessi e nulla osta;
l'obbligo di registrazione al Pra (Pubblico Registro Automobilistico) soltanto per il passaggio di proprietà di auto e motoveicoli.

Nuovi incentivi per la ricerca e lo sviluppo

Il provvedimento in primo luogo punta al sostegno di ricerca e sviluppo (come definiti dalla Legge 46/82), dedicando un terzo del "Fondo rotativo per il sostegno alle imprese" proprio alle attività, ai programmi e ai progetti strategici di ricerca e sviluppo nel mondo dell'imprenditoria. L'organismo a cui fare riferimento sarà il Cipe che avrà una nuova funzione specifica, quella di "Comitato per lo sviluppo" con la finalità di indirizzare le imprese e coordinare gli interventi di settore: incentivi, infrastrutture materiali e immateriali ecc. Sul fronte dell'innovazione, importante è anche l'incentivo allo sviluppo tecnologico, in particolare per chi investe sulla banda larga come strumento di business per la creazione di nuovi servizi dedicati ai consumatori.

Pmi che si associano e industrie in crisi

Per rilanciare la competitività, il Governo propone anche un bonus fiscale per tutte le Pmi - così come definite nella nuova classificazione comunitaria - che decidono di convergere in un'unica impresa, avendo esercitato attività omogenee nell'anno precedente (l'agevolazione è prevista fino al 2008). Per loro c'è un credito d'imposta del 50% sulle spese sostenute per studi e consulenze inerenti all'operazione di concentrazione. Per gli interventi di reindustrializzazione e promozione industriale, invece, è stato istituito un fondo di 35 milioni di euro per l'anno 2005 destinato al finanziamento delle azioni di salvaguardia e ristrutturazione delle imprese in crisi. I contributi straordinari per rilanciare la competitività, invece, sono complessivamente 50 milioni di euro per il 2005 e il 2006, 85 milioni di euro per il 2007 e 65 per il 2008.

Bonus per le assunzioni e rilancio di agricoltura e turismo

Di particolare interesse sono anche i contributi in conto interessi sui finanziamenti bancari, un'opportunità per chi ha difficoltà di accesso al credito. Infine, il bonus occupazione: per i neo assunti in aree territoriali in difficoltà occupazionale (Mezzogiorno) è previsto anche un bonus fiscale sotto forma di deduzione Irap. Sul fronte degli interventi di settore, invece, il governo mette a disposizione 50 milioni di euro per il sostegno all'internazionalizzazione dei prodotti agricoli ed agroalimentari italiani, attraverso il lancio di un programma di azioni che assicura un migliore ingresso ai mercato internazionali e un contributo di 20 milioni di euro per l'anno 2005 che permetterà la trasformazione dell'Ente Nazionale del Turismo (Enit) in Agenzia nazionale del turismo, che avrà personalità giuridica di diritto pubblico, autonomia statutaria, regolamentare, organizzativa, patrimoniale, contabile e di gestione.
Scrivi a proposito di questo articolo