ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Aprile 2007 - Il modello Saas

Il software? Un servizio


Le piccole imprese saranno presto chiamate a una nuova sfida tecnologica: l'abbandono del software proprietario a favore del modello del software come servizio. Il Web 2.0 si fa largo in azienda.


L'evoluzione verso il Web 2.0 delle aziende passa attraverso il concetto di Saas, Software as a service. Il software proprietario, basato su copie di programmi e licenze d'uso, magari secondo un modello d'aggiornamento client/server, non è più di moda. Le applicazioni non si comprano più, si noleggiano: questo è in sostanza il modello Software as a service, il software comprato come qualsiasi altro servizio da società esterne. Naturalmente via Web.


La genesi del Saas

L'idea di accedere a software più o meno evoluti nella modalità distribuita dalla Rete non è nuova, e circola da diversi anni. In passato si è chiamato il fenomeno come Asp, Application Service Provider, o come software on demand o software in hosting. Comunque lo si chiamasse, il concetto non cambiava: software non residente sulle macchine proprietarie ma su server dedicati, di altre aziende, e utilizzato via Internet per il proprio consumo. Negli anni precedenti, il modello era applicato soprattutto a software particolarmente evoluti e costosi. Nelle ultime stagioni si possono trovare fogli di calcolo, elaboratori di testo e praticamente ogni tipo di applicativo. Il tutto spinto ancora di più dall'impulso collaborativo che il concetto di Web 2.0 ha sparso in Rete.

Le previsioni a breve termine

In alcuni settori, il modello Software as a service è destinato a diventare standard in breve tempo. Secondo la società di ricerca e analisi Gartner, per il momento i mercati in cui si sviluppa questo modello sono soprattutto il customer relationship management con il 12% di diffusione nel 2006 e l'integration as a service con il 10%, mentre rimangono un po' indietro il mercato ERP o Enterprise Resource Planning e il supply chain management, per la gestione del processo di produzione. Come si vede, si tratta ancora comunque di segmenti di business particolari, relativi soprattutto alle grandi aziende. Ma è proprio dalle PMI che potrebbero arrivare le novità più interessanti. Infatti, i provider, cioè i distributori di software, stanno mettendo a punto sempre più soluzioni complete per la gestione aziendale e dei processi proprio per le aziende piccole e medie. Se finora avevano avuto poco a che fare con il modello Saas, nel futuro saranno proprio le PMI a essere investite da questa trasformazione.

E quelle a lungo

Secondo uno studio commissionato dalla società inglese Rackspace, nel 2020 (meno di 13 anni) il Saas sarà la norma nel mondo aziendale e i programmi saranno definitivamente in outsourcing. Il tutto favorito anche dallo sviluppo delle connessioni al Web in mobilità, in ogni luogo e pressoché con ogni dispositivo, secondo la previsione della pervasività di Internet che è ormai accettata globalmente da tutti i commentatori e gli esperti. A Internet si avrà accesso ovunque e con tutti gli strumenti elettronici.

Cosa resterà delle Pmi

Alle imprese, in sostanza, resterà il proprio core business, depurato di tutti gli altri aspetti. Aggiungere valore alla produzione sarà l'unico scopo, indipendentemente dalle tecnologie e dai software, che saranno messi a disposizione da altri. La disponibilità di questi strumenti sarà messa a disposizione in Rete (accessibile ovunque) e dalla Rete, nel senso che ogni azienda si circonderà virtualmente di partner in grado di supportarla online per raggiungere i propri obiettivi. A trarne vantaggio saranno anche i lavoratori, sempre meno vincolati ai luoghi fisici di lavoro. Dubbi invece rimangono per il futuro dei comparti IT: se da una parte è certo il calo di lavoro in termini di assistenza e supporto interno all'impresa (ci penserà il distributore), il loro futuro potrebbe essere sempre più ai margini, con un'uscita dai processi aziendali, oppure sempre più al centro, se il comparto saprà leggere in modo corretto questa evoluzione, diventando elemento centrale per lo sviluppo della Rete di partner. L'impresa comunque diventerà sempre più distribuita.

I tempi della rivoluzione

La rivoluzione descritta sembra ancora molto lontana nella pratica, e per certi versi irrealizzabile. Invece è lo sviluppo naturale di quanto sta accadendo nel mondo dell'informatica e di Internet. Per capire se è plausibile o meno, basta guardarsi indietro, a 13 anni fa - lo stesso tempo che ci separa dalle previsioni dello studio. Nel 1994, i computer che erano collegati al Web erano pochissimi, anche in ambito aziendale. I software sempre rigorosamente proprietari (con alcune sperimentazioni di collaborazione esterna via linee dedicate per i programmi talmente complessi che richiedevano società apposite per la loro gestione). Concetti come lavoro da remoto, collaborazione a distanza e gli stessi ambiti di lavoro che la tecnologia ha promosso delle semplici chimere. Ancora convinti che nel 2020 tutto sarà come oggi? Per questi motivi le aziende più orientate al Web e alla tecnologia dovrebbero cominciare a muovere i primi passi in quest'ottica, senza pericolosi salti in avanti, ma introducendo gradualmente il modello del software as a service e il concetto di azienda distribuita, sia nei confronti dei propri dipendenti sia nei confronti dei propri partner, da coinvolgere nel processo di collaborazione basato sulle tecnologie.
Scrivi a proposito di questo articolo