ShinyNews Home  |  Azienda  
E-Business E-Business
Web Usability
Marketing & Advertising
Diritto
Internet Economy
Cerca articolo
 
E-Business
Strumento strategico per il business
Il commercio elettronico cresce
In pochi diventano clienti
Il Web cambia il turismo
Il software? Un servizio
Il Web 2.0 per le imprese
La formazione si fa a distanza?
Cambio di passo per le PMI
2007: annus horribilis per internet?
Equilibrio committente-realizzatore
La salvezza è nella copia
Pronti alla rivoluzione?
Non solo privacy nel futuro delle imprese
I risultati di un'azienda web-oriented
La pirateria inganna
Che cosa resta di SMAU
Il valore della community
Minacce in diminuzione, guardia da alzare
Verso il tempo reale
Reti sociali per il business
Attenti agli errori
Dal dato alla conoscenza
Proteggere l'identità
Applicazioni e servizi
Un segnale forte per l'IT
Conosci te stesso?
Web 2.0: dai siti ai servizi
Gli strumenti di protezione
Le PMI lombarde spinte in Rete
Natale alle porte: strategie last minute
Dominio eu: tutto pronto, e l'ICANN va sotto controllo
L'analisi del rischio
Requisiti di sicurezza
Ecco i soldi per chi investe in alta tecnologia
La qualità dei servizi nelle reti ICT
Finanziamenti a sostegno di hi-tech e export
Quale metodo di pagamento per l'e-commerce
Spie in Rete
Arriva il livello europeo
La percezione dell'ICT
Una PA che cambia: opportunità per le imprese
Competitività per decreto
Dall'errore umano, al firewall umano
Il wireless per l’azienda
Una porta per comunicare sicuri
Aziende senza burocrazia
Dalla competizione alla collaborazione
Stop ai virus
I micropagamenti chiave per l'e-business
Internet è comunicare
VOIP: vantaggi e problemi
Quali contenuti per la banda larga?
L'e-government per le imprese
Agevolazioni per l'e-commerce
Formazione, imprese in prima fila
Il valore strategico del Web per le PMI
Non solo una vetrina
Contributi in arrivo per l’informatizzazione
Il valore della comunicazione interna
Strumenti informatici per la PMI
La dotazione tecnologica della PMI
Informatizzare le PMI
Una Borsa telematica per il lavoro
Software: costi e benefici
Chi comanda i motori di ricerca?
Una storia di mala-distribuzione
Fine del modello free
Tradurre i siti Internet
La ricerca del personale via Web
Innovazione digitale per le PMI
Una scrittura particolare
Raggiungere i mercati stranieri
Svaniscono gli incentivi digitali
Beati i primi
versione stampabile
Gennaio 2005 - Comunicazione d'impresa

Internet è comunicare


Dalla scrittura in codice Html all'utilizzo di Content Management System, tutto ciò che è scritto su Internet ricade nella comunicazione d'impresa. Un contenitore che si può riempire di marketing, formazione, comunicazione, informazione.


Nell'era dell'informazione in tempo reale, qualcuno si spinge a suggerire addirittura che l'impresa è ciò che comunica. Forse, in prima battuta, l'azienda rimane sempre e comunque ciò che produce, beni o prodotti, servizi o informazione. Però, è indubitabile che subito dopo la qualità del prodotto (o servizio), il secondo fattore caratterizzante di un'impresa sia proprio la sua comunicazione. Se questo aspetto, fino a pochi anni fa, era ancora appannaggio delle grandi (e medie) imprese, con la diffusione di Internet si è avuto un livellamento verso il basso (in termini di grandezza, non di qualità) di questa esigenza. Oggi, per tutte le aziende la comunicazione è fondamentale.

Internet come qualità

Se siete rimasti legati alla visione di dieci anni fa, la comunicazione d'impresa vi farà venire in mente organizzazione d'eventi, pubblicazioni patinate e costose, sponsorizzazioni televisive o quant'altro. Ma i tempi sono cambiati, appunto. Oggi la comunicazione d'impresa passa per tutti su Internet. Infatti, il Web è la pietra di paragone della qualità in fatto di comunicazione d'impresa. Mentre le pubblicazioni cartacee o le iniziative su altri media possono essere proporzionali alla capacità d'investimento dell'impresa, Internet livella questo discrimine: per realizzare un sito efficace in termini di comunicazione non è necessario avere grandi budget. Conta la qualità, l'inventiva, la professionalità, la preparazione. E la piccola azienda, spesso e volentieri, è migliore dei grandi gruppi.

Comunicare è tutto

Che cosa significa che i tempi sono cambiati e la comunicazione gira su Internet? Che su Web, tramite il proprio sito e altre iniziative molto semplici, anche la piccola azienda può sviluppare una propria immagine aziendale, può effetturare azioni di marketing anche complesso, individuare forme pubblicitarie adatte, promuovere conoscenza e informazione sui propri prodotti, sia all'interno sia all'esterno dell'organizzazione. È evidente che la forza di una campagna televisiva è ancora molto più grande di una su Internet. Eppure, sviluppare azioni efficaci di comunicazione Web può avere ricadute anche offline. Il pubblico di Internet è ormai una grande e consolidata realtà. Fare breccia in esso, può aprire molte porte per lo sviluppo della propria attività.

Occasione da cogliere

Per tutti questi motivi, la comunicazione su Web è un'opportunità da cogliere a pieno. La prima indispensabile azione comunicativa riguarda indubbiamente la propria presenza online, avere un sito Internet completo e aggiornato. La seconda azione è crearsi una visibilità sul Web, tramite azioni pubblicitarie, affiliazioni, interventi. La terza azione è utilizzare Internet per far circolare le informazioni relative alla propria azienda e ai propri prodotti, sia verso i collaboratori sia verso i clienti.

Contenuto sincero

In altri momenti, apparire era tutto. Ma questo non vale in Internet. La prima regola da seguire rispetto al contenuto, di qualsiasi tipo esso sia, è semplice: dire ciò che si è, dire ciò che si fa. Senza troppi giri di parole, senza amplificare inutilmente. Il rapporto fiduciario con il cliente, importante in ogni iniziativa aziendale offline come online, su Internet diventa essenziale. Se ci presentiamo come non siamo, avremo vita breve. In Rete si può trovare di tutto: molto meglio consigliare (o affiliarci) siti complementari in termini di prodotto, chiarendo esattamente ciò che si fa e ciò che non si fa.

Le regole base

La prima regola, in realt´┐Ż è quella sopra esposta: contenuto sempre sincero. Questa regola deve essere il substrato per ogni azione od operazione Web che abbiamo in cantiere. Le altre regole di base, in fondo, seguono sempre la medesima ispirazione: non ingannare l'interlocutore, ma aiutarlo e dargli sostegno. Trasparenza è la parola d'ordine.

Aggiornare il sito. Creare e aggiornare costantemente il proprio sito aziendale è il primo passo. Quante società, anche famose, hanno una presenza spettrale sul Web! Un sito realizzato a regola d'arte, però mai aggiornato, con notizie relative a due-tre anni prima. L'impressione che suscitano è quella di disfacimento, di approssimazione, di scarsa serietà. E questo nonostante il nome, i prodotti o i marchi conosciuti. L'aggiornamento è fondamentale.

Separare la comunicazione istituzionale da quella di prodotto. Non dovremmo mai ingenerare confusione tra ciò che siamo e ciò che facciamo. Dobbiamo far sapere ai nostri clienti chi siamo, dove siamo, quale è la nostra mission, da quanto tempo operiamo. L'utente deve poter accedere a una zona franca nella quale ci presentiamo, senza alcun altro intento di farci conoscere. Questo ingenera rispetto e credibilità.

Creare un'area per i clienti. Per lo stesso ragionamento precedente, avere un'area dedicata al cliente significa guidarlo con rispetto all'interno del nostro negozio virtuale (qualsiasi sia il prodotto o servizio che vendiamo). Se vi accede, l'utente sa che all'interno troverà tutto quello che gli interessa sapere sui prodotti. Due gli aspetti fondamentali da curare, anche in questo caso: completezza e aggiornamento. Tutto ciò si traduce (al netto delle promozioni, delle novità e delle occasioni che potremo promuovere anche in altre sedi) in un catalogo online aggiornato in tempo reale, soprattutto rispetto alla disponibilità e ai prezzi. Niente è più fastidioso per un cliente che ordinare un certo bene, e dopo scoprire che è fuori catalogo o che il suo prezzo non è più quello dichiarato inizialmente.

Creare una zona di comunicazione diretta con i clienti. Certo, ci deve essere un'area per l'assistenza, ma quella è soltanto un prolungamento dell'area clienti. Qui parliamo di un vero e proprio filo diretto informativo con i propri utenti. Tramite newsletter cadenzata, sito d'informazione apposito, forum di discussione, blog o qualsiasi altra iniziativa online, è importante offrire agli utenti un punto di riferimento informativo. Meglio se anche loro possono partecipare alla sua realizzazione con consigli, commenti, interventi diretti.

Creare un'area d'ufficio stampa e comunicazione. Non fatevi ingannare dalle dimensioni del business o dell'impresa: anche quelle più piccole realizzano iniziative degne di nota, fosse anche solo per i giornali settoriali o per i quotidiani locali. Destinare poche pagine alle segnalazioni degne d'interesse (dal lancio di un nuovo prodotto al cambiamento nella proprietà, da una nuova partnership a un'iniziativa benefica) è un'operazione semplice e per nulla dispendiosa. Il suo aggiornamento non deve essere rigido, e può sfruttare sinergie con il normale aggiornamento del sito. Un accesso su registrazione (semplice ed essenziale, non un terzo grado telematico) vi consentirà nel tempo di creare un piccolo database di contatti, utile per successive azioni mirate.
Scrivi a proposito di questo articolo